Non riesci a visualizzare questa mail? Clicca qui.

27 Aprile 2022

Il KMSKA è il primo museo in Europa a usare gli Art Security Token per rendere accessibile al pubblico un capolavoro d’arte.

Diventa “comproprietario” di un Ensor a partire da 150 euro.

Il Museo Reale delle Belle Arti di Anversa (KMSKA) è il primo museo in Europa a lanciare un innovativo metodo di finanziamento per ampliare la propria collezione. A partire dal 27 aprile, è possibile acquistare una quota virtuale in un’opera d’arte attraverso l’Art Security Token Offering. Gli appassionati d’arte e il grande pubblico possono infatti diventare “comproprietari” del Carnevale di Binche di James Ensor. Attraverso l’iniziativa, il museo potenzia la propria collezione e al contempo offre a tutti la possibilità di investire nell’arte. Dalla riapertura del KMSKA, il 24 settembre 2022, l’opera verrà esposta nel museo per essere ammirata da tutti i visitatori.  

- Scarica il comunicato in versione word oppure prosegui la lettura. -

In attesa dell’inaugurazione, il KMSKA, in collaborazione con la piattaforma Rubey (www.rubey.be), è il primo museo in Europa ad organizzare una Art Security Token Offering. L’offerta riguarda il dipinto Carnevale di Binche di Ensor che per l’occasione viene convertito in token. In pratica, l’opera viene virtualmente suddivisa in un gran numero di parti uguali. Queste parti virtuali o “Art Security Token” godono di diritti finanziari sull’opera d’arte che a sua volta funge da garanzia. Gli Art Security Token vengono messi in vendita, consentendo agli interessati di investire in una parte dell’opera a partire da € 150.  

Investire nell’arte non è una novità. Soprattutto le classi abbienti guardano con interesse alla possibilità di acquistare un’opera d’arte di qualità museale ma dopo l’acquisto queste opere spariscono perlopiù in una cassaforte, per essere successivamente vendute a fronte di un guadagno. Il KMSKA, invece, lancia questo innovativo metodo di investimento per “democratizzare” l’arte. Non soltanto tenendo volontariamente basso l’importo base degli Art Security Token per dare a tutti la possibilità di investire in un’opera d’arte di qualità museale, ma anche esponendo l’opera di Ensor dopo l’offerta, rendendola così accessibile a tutti i visitatori. 

“Il Topstukkenfonds, fondo per i capolavori del Governo Fiammingo, sostiene i musei nell’acquisto e nel restauro dei pezzi da collezione”, spiega Jan Jambon, primo ministro del governo delle Fiandre. “Tuttavia, l’arte è un bene molto ambito e come governo non è sempre ovvio partecipare concretamente al mercato internazionale dell’arte. Per questo plaudiamo all’iniziativa del KMSKA e della piattaforma Rubey. Grazie a questo innovativo metodo di investire nella sua collezione, il KMSKA e la piattaforma Rubey passeranno alla storia. Rendono il patrimonio di privati nuovamente accessibile al pubblico e consentono a tutti di investire in una prestigiosa opera d’arte. Un ottimo esempio di collaborazione tra pubblico e privato". 

Gestione della collezione 2.0, nel solco della tradizione del KMSKA 
La collaborazione tra KMSKA e Rubey è evidentemente unica. Ma investitori privati che aiutano i musei ad ampliare le loro collezioni sono esistiti in ogni epoca storica. La famiglia Franck di Anversa, ad esempio, ha rivestito un ruolo fondamentale nella crescita della collezione di arte moderna del museo. Proprio come allora, il KMSKA desidera unire gli appassionati d’arte e in tal senso ha trovato in Rubey il partner ideale. Il denaro raccolto attraverso la Art Security Token Offering consente non solo di acquistare il Carnevale di Binche, ma anche di concederlo al museo in prestito a lungo termine. Chiunque potrà dunque ammirare il Carnevale di Binche, un dipinto che per anni è stato parte di una collezione privata. 

Una nuova forma di community-building  
Dopo una chiusura di oltre dieci anni, dalla riapertura il KMSKA rappresenterà un accogliente punto di ritrovo nella città di Anversa. E gli Art Security Token di Rubey rientrano perfettamente in una simile visione. L’idea, infatti, è costruire una comunità anche dopo la vendita degli Art Security Token, per instaurare una relazione profonda con gli investitori. Nel periodo della riapertura, ad esempio, il KMSKA inviterà tutti i titolari di token ad ammirare, in occasione di un evento esclusivo, l’opera in cui hanno investito. Saranno inoltre tenuti costantemente aggiornati sulle vicende del “loro” Ensor. In caso di prestito temporaneo del dipinto ad un museo estero o di nuove scoperte scientifiche, i titolari dei token saranno i primi ad esserne informati. 

Luk Lemmens, presidente del KMSKA, è davvero entusiasta:  
“Il KMSKA diventa ben più di un semplice luogo di esposizione d’arte. Siamo fortemente impegnati nel coinvolgere visitatori e titolari di token nella nostra collezione e nella nostra attività. La possibilità che chiunque possa diventare “comproprietario” del Carnevale di Binche di James Ensor rappresenta una circostanza davvero unica. Il KMSKA vantava già la più grande collezione di Ensor al mondo. Aggiungendovi il Carnevale di Binche, il nostro museo assurge ancor più a centro specializzato su Ensor”. 

Art Security Token, una rivoluzione nel mercato dell’arte
Poiché rappresentano una novità, gli Art Security Token vengono spesso confusi con i Bitcoin o gli NFT (Non-Fungible Tokens, certificati di proprietà digitali non fungibili e non scambiabili). Gli Art Security Token operano però in un mercato regolamentato ed è questa una differenza sostanziale. L’emissione di Art Security Token, in altre parole, è disciplinata dalle leggi in materia finanziaria. Gli investitori in Art Security Token godono dunque della stessa tutela legale di chi investe in azioni, obbligazioni o altri titoli. Bitcoin o NFT, invece, non rientrano ancora in un quadro legislativo chiaro.

Peter Hinssen, partner di Rubey e noto imprenditore tecnologico, intravede un grande futuro per gli Art Security Token: “Sono assolutamente convinto che non si tratti di una moda passeggera, quanto piuttosto dell’inizio di una rivoluzione. Dal punto di vista tecnologico, i Security Token sono attualmente il non plus ultra nel campo delle blockchain. Ma altrettanto importante è anche l’implicazione sociale. Investire in Art Security Token è un vero investimento d’impatto”. 

Inoltre, gli Art Security Token rappresentano un titolo su un prodotto realmente esistente, in questo caso il Carnevale di Binche, un dipinto unico, non riproducibile, di qualità museale. Combinando il meglio dei due mondi, gli Art Security Token rappresentano una vera rivoluzione per gli investitori.

A partire dal 27 aprile, gli interessati possono accedere alla piattaforma Rubey su www.rubey.be (accessibile solo da cittadini Europei) appositamente creata per consentire gli investimenti in Art Security Token. È possibile investire a partire da 150 euro. 

Carnevale di Binche di Ensor 
Dipinto nel 1924 
Formato: 76 x 61 cm 
Materiale: Olio su tela 
Firma: nell’angolo in basso a sinistra “ENSOR” 

James Ensor è uno degli artisti fiamminghi più noti a livello internazionale, alla stregua di Rubens, Bruegel o Van Eyck. Ensor è molto apprezzato. Diversi prestigiosi musei internazionali, come il Getty di Los Angeles e il MoMa di New York, hanno un Ensor nella loro ricca collezione. Pochi sanno, però, che il KMSKA di Anversa possiede la più vasta collezione di Ensor al mondo.  

Il contributo più evidente di Ensor all’arte moderna è l’uso di maschere. Le maschere di Carnevale compaiono nei suoi disegni e dipinti a partire dal 1887. Il dipinto Carnevale di Binche contiene il suo caratteristico linguaggio pittorico. Vi si incontrano i personaggi più svariati: eleganti dame, buffi ufficiali e altri pagliacci, esseri mascherati e grotteschi. In un testo di critica d’arte del 1911, Ensor spiegò la sua predilezione per l’uso delle maschere di Carnevale: “La maschera significa per me: freschezza del colore, sontuosa decorazione, gesti inaspettati selvaggi, espressioni molto acute, squisita turbolenza” (“Le masque me dit: fraîcheur de ton, décor somptueux, grands gestes inattendus, expression suraiguë, exquise turbulence”). 

I curatori del KMSKA hanno selezionato il Carnevale di Binche in base a criteri di qualità, autenticità e condizioni dell’opera.  

Guarda il video Art Security Tokens by Rubey qui
Guarda il video della campagna KMSKA Investi in un capolavoro qui
Scarica questi video qui

Scarica le immagini del KMSKA qui
Scarica l’immagine del Carnevale di Binche qui

### 

Sul KMSKA 
Il Museo Reale delle Belle Arti di Anversa (KMSKA) è il più grande museo d’arte delle Fiandre, con capolavori assoluti dei primitivi fiamminghi e del barocco di Anversa, fino a una vasta collezione di arte moderna con Rik Wouters, Henri de Braekeleer e René Magritte. A coronare il tutto, la più vasta collezione di James Ensor al mondo. Al momento è in corso l’ultima fase della ristrutturazione. L’edificio del XIX secolo è stato riportato al suo splendore e generosamente ampliato. Nel week-end del 24 e 25 settembre il KMSKA sarà in festa. La collezione verrà di nuovo messa a disposizione del pubblico ed è previsto un grandioso festival di inaugurazione con fantastici spettacoli, seminari contemporanei e interdisciplinari, sorprendenti contaminazioni e divertenti atelier e workshop per bambini, ragazzi e famiglie.
Per saperne di più: kmska.be  

Su Rubey 
Rubey è una collaborazione tra 3 partner: 

  • Untitled Workers Club, agenzia pubblicitaria con numerosi clienti del settore artistico e finanziario. Avendo notato che numerosi musei loro clienti non avevano la disponibilità finanziaria per acquistare importanti opere d’arte per potenziare la propria collezione, ha avuto l’idea di convertire le opere in token. Untitled Workers Club si occupa di arte, musei e comunicazione. 
    Maggiori informazioni su: www.untitledworkersclub.be
  • 2140 Consulting, team di consulenti che assiste organizzazioni attive nei più svariati settori - dall’immobiliare, all’ambiente, all’arte - nella creazione di security token offering. 2140 Consulting si occupa degli aspetti giuridici e tecnici della Security Token Offering. 
    Maggiori informazioni su: www.2140consulting.com
  • Peter Hinssen, imprenditore tecnologico e autore. Tiene seminari in tutto il mondo sull’impatto della tecnologia sulla società e sul mondo digitale che definisce la nuova normalità. È inoltre un relatore molto richiesto in conferenze IT di tutto il mondo. 

Il team Rubey è supportato da una serie di specialisti:  
Tokeny (Tokenization Technical Support Services), Loyens & Loeff (Legal Support Luxembourg), Hogan Lovells (Legal Support Belgium), Finimmo (supporto obblighi legali know your customer (KYC)), JTC Executive Partners (Corporate Administrative Services), TMF Group (Security Agent Services), AlphaFX e Olkypay (Banking services), KMSKA (Art Custodian). 

Su VISITFLANDERS 
VISITFLANDERS è l’organizzazione ufficiale del governo fiammingo per la promozione del turismo nelle Fiandre. Grande importanza è riconosciuta allo sviluppo sostenibile, in linea con la filosofia secondo cui il turismo deve offrire benefici al visitatore, alla popolazione locale, all’imprenditore, ma anche all’anima della destinazione. 

Uno dei punti forti nella promozione del turismo nelle Fiandre è rappresentato dai maestri fiamminghi: artisti quali Van Eyck, Bruegel e Rubens, noti in tutto il mondo per la loro perizia, creatività e innovazione tecnica. In questa impressionante galleria di celebrità, James Ensor rappresenta il gran finale modernista. Che un capolavoro di James Ensor approdi in questa maniera innovativa e soprattutto democratica nel più grande museo d’arte delle Fiandre è un evento che non può che essere accolto con grande favore: per questo VISITFLANDERS lo mette in evidenza attraverso una campagna di promozione internazionale. Gli appassionati d’arte di tutto il mondo avranno così un motivo in più per scegliere le Fiandre come meta dei loro viaggi e ammirare qui l’opera dei maestri fiamminghi.

Sulla blockchain Ethereum/Polygon: 
Una blockchain è una banca dati automatizzata e decentralizzata che registra in maniera totalmente affidabile chi detiene Art Security Token e in che quantità. Vi si registra anche l’eventuale cambio di proprietà di un Art Security Token. Transazioni e registrazioni possono aver luogo tutti i giorni della settimana, 24 ore su 24. Ethereum è una delle blockchain più sicure al mondo, particolarmente adatta agli “smart contracts”. 

Regole e condizioni che determinano la possibilità di effettuare uno scambio di Art Security Token sono fissate in un cosiddetto “smart contract”, un algoritmo informatico che garantisce automaticamente il rispetto di tutti gli accordi. 

Non sarà, ad esempio, possibile scambiare Art Security Token con un soggetto che non sia ancora registrato come utente verificato sulla piattaforma Rubey. È una condizione dello smart contract. In questo modo si impediscono frodi o furti dei Security Token.

Irene Ghezzi
Responsabile Stampa
VISITFLANDERS - Ente del Turismo delle Fiandre
M +39 340 355 94 61
irene.ghezzi@visitflanders.com

Situazione Covid-19 in Belgio: puoi trovare le relative informazioni dettagliate sul sito del Governo Federale Belga. Ti invitiamo inoltre a far riferimento alle direttive italiane: consigliamo di consultare la sezione relativa al Belgio del sito Viaggiare Sicuri (servizio dell’Unità di Crisi della Farnesina). 
I cittadini italiani in partenza dall’Italia con destinazione Belgio non sono più tenuti a compilare il “Passenger Locator Form” in quanto per viaggiare all’interno dell’Unione Europea non è più obbligatorio. Le regole possono essere diverse se provieni da un altro Paese. In questo caso, ti invitiamo consultare il sito del “Passenger Locator Form”.

Seguici online
Questa è la newsletter ufficiale di VISITFLANDERS– Ente del Turismo delle Fiandre
Questa email è stata inviata a irene.ghezzi@visitflanders.com.
VISITFLANDERS - Ente del Turismo Fiandre ∙ Piazza Santa Maria Beltrade 2 ∙ 20123 Milano